Git Worktree vs Git Savepoints

The official Git documentation presents the following example as a valid use-case for the worktree command: You are in the middle of a refactoring session and your boss comes in and demands that you fix something immediately. You might typically use git-stash1 to store your changes away temporarily. However, your working tree is in such a state of disarray (with new, moved, and removed files and other bits and pieces strewn around) that you don’t want to risk disturbing any of it. »

How to add an empty directory to a Git repository

How do you add an empty directory to a Git repository? It’s a classic, and yet, I have to look it up every single time. Git does not support this out of the box: Currently the design of the Git index (staging area) only permits files to be listed, and nobody competent enough to make the change to allow empty directories has cared enough about this situation to remedy it. »

Author image Nicola Iarocci on #til, #git,

How to handle big repositories with git

git is a fantastic choice for tracking the evolution of your code base and to collaborate efficiently with your peers. But what happens when the repository you want to track is really huge? via How to handle big repositories with git – Atlassian Blogs. »

Author image Nicola Iarocci on #git,

Pro Git Workflow

Pro Git Workflow is an interesting collection of Git shortcuts, aliases and workflows. Nothing really new but give it a shot if you want to improve your git-fu beyond basics. »

Author image Nicola Iarocci on #git,

On undoing, fixing, or removing commits in git

This document is an attempt to be a fairly comprehensive guide to recovering from what you did not mean to do when using git. via On undoing, fixing, or removing commits in git. »

Author image Nicola Iarocci on #git,

Come annullare una Commit in Git

Git LogoUsando Git capita ogni tanto, vuoi per stanchezza o per distrazione, di lanciare commit sbagliate. Stamattina m’è capitato di sistemare del codice, testarlo e fare la commit… solo per scoprire di aver lavorato sulla branch sbagliata! Non è la prima volta che mi succede e non sarà nemmeno l’ultima. Poiché ho scarsa memoria ogni volta mi tocca usare google e ripescare quei due o tre comandi utili in questi casi. Ho pensato di appuntarli qui, un po’ per metterli a disposizione di tutti, un po’ per poterli ritrovare facilmente.

»

Git si è rifatto il look (e non solo)

Il sito del progetto Git è stato finalmente aggiornato. Nuova grafica, nuovo logo, ottimizzazione dei contenuti e soprattutto integrazione di importanti risorse prima ospitate altrove: la Git Reference, il libro ProGit, Why Git is Better Than X e il nuovo progetto Git Video Series, che include quattro bei filmati già pronti. »

Imparare Git un passo alla volta con Git Immersion

Già sapete che Git è uno degli strumenti senza i quali non potrei più vivere, ne ho scritto anche recentemente in Branching di successo per Git e Usare Git con Dropbox. Oggi vi propongo Git Immersion, fantastico sito-laboratorio per “immergersi” in Git imparandolo passo dopo passo. Git Immersion è un tour guidato che ti accompagna in una passeggiata tra i fondamenti di Git, ispirato dalla premessa che conoscere una cosa significa usarla. »

Usare Git con Dropbox

Lavorando con Git si può sentire l’esigenza di un repository privato e condiviso tra diversi computer. Se non volete spendere soldi GitHub non è un’opzione dato che i suoi repo privati sono a pagamento. L’alternativa naturale è BitBucket, che da qualche tempo supporta Git e consente la creazione gratuita di repository privati.

Usare Dropbox come repository Git remoto

Recentemente, più che altro per curiosità, ho giocato con una terza opzione: Dropbox. Per me Dropbox è uno strumento indispensabile sia per il lavoro che per le mie cose personali. Su qualunque computer io sia, ovunque mi trovi, grazie a Dropbox ho accesso al mio materiale. Dunque, mi son detto, perché non usarlo anche per il codice,  pur senza rinunciare al controllo versione offerto da Git?

Dropbox

Ebbene ho scoperto che non solo è possibile, è anche molto semplice. In realtà non c’è nulla di nuovo in quel che vi mostro, la ‘magia’ la fa tutta Dropbox.

»

Branching di successo per Git

Git è di gran lunga la tecnologia più significativa che il mio team ha introdotto negli ultimi tempi. Grazie a Git la nostra produttività è migliorata a tal punto che davvero non passa giorno senza che mi chieda come abbiamo potuto farne a meno così a lungo.

Git è un sistema di controllo versione ideato da Linus Torvald (quello di Linux). E’ gratuito, multi-piattaforma, distribuito e soprattutto talmente veloce che sembra aggiungere un pizzico di magia al processo produttivo. Git è una macchina del tempo con cui spostarsi avanti e indietro tra le versioni del codice. E’ l’ideale sia per progetti individuali che per gruppi di lavoro numerosi e distribuiti. L’integrità del codice e la preservazione delle versioni sono garantite da un efficiente – e veloce! – sistema di branching e merging.

Se non avete mai usato prima un sistema di controllo versione (e magari ricorrete ancora a copie manuali del codice tra una release e l’altra) gioite, perché Git vi cambierà la vita. Se venite da altri sistemi (Subversion, Team Foundation Server) sappiate che Git adotta un approccio fondamentalmente diverso: niente copie differenziali. In Git ogni repository è un mirror integrale della codebase; è quest’accorgimento ciò che rende Git così veloce.

»