Humans TXT – Il robots.txt per gli esseri umani

Introdotta dallo slogan Siamo Uomini Non MacchineHumans TXT è una iniziativa che consente di conoscere gli autori di un sito web. Per ragioni di immagine i committenti sono spesso riluttanti a consentire che sulle loro homepage appaiano i nomi degli autori. Non sempre è evidente chi ha sviluppato un sito, cosa certo non gradita all’autore che avrebbe tutto il diritto (e l’interesse) di firmare le proprie opere.

Cosa è Humans.txt?

Un semplice file di testo che contiene informazioni sulle persone che hanno contribuito alla costruzione del sito. Il file non è intrusivo e non causa decadimento delle prestazioni perché collocato all’esterno della gerarchia del sito vero e proprio. Viene salvato nella web root, proprio là dove di solito risiede il robots.txt. Se consentito dal committente si potrebbe aggiungere un riferimento nella homepage:

<link type="text/plain" rel="author" href="http://domain/humans.txt" />

Nel file si può indicare più di un nome: il programmatore, il designer, il copywriter, il web master, il SEO/SEM, eventuali dediche. Le possibilità sono tante quante sono le persone che normalmente intervengono nella creazione di un sito. Potremmo immaginare humans.txt come l’equivalente della sigla di una trasmissione televisiva, oppure di un film.

Alla ricerca di uno standard

Gli autori dell’iniziativa propongono delle linee guida per la compilazione del file humans.txt e si dicono pronti ad accettare suggerimenti da chiunque. L’idea di standardizzare il contenuto del file è senz’altro valida perché consentirebbe, tra le altre cose, la creazione di tools di ricerca e certificazione. Pensate per esempio a una estensione del browser che consenta di vedere i credits del sito che stiamo visitando. Ci sono parecchie possibilità di applicazione da esplorare.

Una iniziativa superflua?

Lo standard HTML contempla già un tag Meta Name per l’autore. Si tratta di un elemento opzionale e non indicizzato dai motori di ricerca. Il problema con questo tag è che il committente potrebbe non gradirlo. Lo standard prevede di indicare un solo autore mentre, come abbiamo visto, in humans.txt possiamo indicare più persone. Le due soluzioni possono coesistere, dando spazio a soluzioni interessanti: un’agenzia potrebbe inserire il proprio nome nel meta tag ed elencare i membri del team in humans.txt. La discussione comunque è piuttosto accesa. C’è chi ritiene superflua l’iniziativa. Ci sono i soliti complottisti che vedono dietro a tutto questo chissà quale oscura manovra a fin di lucro e c’è infine chi ci vuol credere davvero sostenendo i ragazzi spagnoli che hanno messo in piedi il progetto.

Comincia subito

Niente impedisce di aderire all’iniziativa già da ora. Deposita il tuo humans.txt nella root del tuo sito e sei a bordo. E’ anche possibile inviare il proprio file humans.txt agli autori dell’iniziativa i quali sostengono di voler compilare una lista globale che, stranamente, al momento non è consultabile. Ho chiesto loro come mai. La riposta è stata we’re looking to create something “different” to show humans. Qualcosa bolle in pentola.